I gatti sono animali abitudinari e amanti dei loro spazi, che soffrono molto i cambi di ambiente. I veterinari, infatti, ci dicono che i mici hanno bisogno dai 10 ai 15 giorni per prendere confidenza con un posto nuovo e, per questa ragione, può non essere una buona idea portarli con noi quando andiamo in ferie. Ecco allora come fare con il gatto quando andiamo in vacanza.

Organizziamo la casa per lui

Se abbiamo organizzato le nostre vacanze molto lontano da casa, dobbiamo prendere treno o aereo e il nostro gatto è anziano o dal carattere schivo, per il suo benessere è meglio che rimanga in un ambiente a lui famigliare. La nostra assenza dovrà essere allora compensata da una perfetta organizzazione della casa, perché rispecchi i bisogni e le necessità del nostro gatto:

  • Per motivi di sicurezza, certamente abbasseremo le tapparelle e chiuderemo le persiane, ma almeno in un locale, ci devono essere luce e aria. Ci basterà lasciare una finestra semi-aperta in modo che l’ambiente non si surriscaldi.
  • Servono poi dosi extra di croccantini, lasciando scorte abbondanti di cibo secco, e acqua sempre disponibile. In commercio ci sono fontanelle con una una capacità di 5 litri, dotati di pompa e filtro. Così l’acqua zampilla tutto il giorno, fresca e ossigenata.
  • È importante che qualcuno di fiducia – che sia un cat-sitter, un parente o un amico – passi a trovare il nostro gatto almeno una volta al giorno. Questa persona avrà il compito di pulire la lettiera, controllare le scorte di acqua e cibo e stare un po’ con il nostro amico felino. Così il gatto non si sentirà solo e ridurremo il rischio di incidenti.

E se il gatto viene con noi?

Se invece il nostro gatto ha un carattere socievole, o abbiamo la fortuna di possedere una casa per le vacanze che il nostro micio conosce, allora possiamo tranquillamente portarlo con noi, perché riconoscerà quel luogo come un suo territorio:

  • Per sicurezza portiamo con noi dei feromoni, da spruzzare prima di fargli esplorare casa, e tutti gli oggetti di casa a lui famigliari, ciotole, giochi e coperte: per lui saranno un importante punto di riferimento.
  • Il viaggio può essere un momento di stress per il nostro gatto, perciò abituiamolo al trasportino e alla macchina, servendoci sempre dei feromoni spray: il micio sentirà un odore rassicurante che favorirà uno stato d’animo più tranquillo.

Ecco come fare con il gatto quando andiamo in vacanza. Raccontaci la tua esperienza in un commento!